:: C a t a l o g o ::


 

         
  proprieta\billyelliot\billy.jpg

Billy Elliot

 
 
 

Regista

Stephen Daldry  
  NazionalitÓ Gran Bretagna  
  Genere Commedia  
  Anno di produzione 2000  
         
 

Recensione

   
 

Nel 1984 a Durham (Inghilterra del Nordest), durante un lungo e vano sciopero dei minatori contro il governo Thatcher, l'11enne Billy Elliot, orfano di madre, figlio e fratello di minatori, sembra nato per danzare.
Aiutato da una ruvida maestra locale, s'iscrive alla scuola del Royal Ballet di Londra.
14 anni dopo al Covent Garden danza Il lago dei cigni nella messinscena di Matthew Bourne.
Scritto da Lee Hal, Ŕ l'esordio al cinema di S. Daldry, regista teatrale (Royal Court).
Tipico esempio di film riuscito e di grande successo che lascia tiepidi i critici. Ha tutto per piacere: percorso a ostacoli con vittoria finale; contrasto tra l'aspirazione alla bellezza (musica, danza) e l'aspro sfondo sociale; luoghi comuni (non tutti i ballerini sono gay); brioso con scaltro piazzamento dei momenti di pathos; simpatia dei personaggi che superano i loro pregiudizi.
La sua carta vincente Ŕ il piccolo J. Bell, ma il merito Ŕ anche di Daldry e della sua brillante e cangiante scrittura registica, tesa ad alternare, saldandoli, il pedinamento socio-realistico e le cadenze del musical.
Nastro d'argento (film straniero).

 
 
 
Recensione tratta da Il Morandini 2009
Dizionario dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini
Zanichelli editore
Destinatari

C. 11-13 anni
D. 14-18 anni
E. Dai 18 in su

Argomento

Amicizia
Ballo - Danza
Diritti sociali - Diritti politici
Gruppi e classi sociali

Anno di ambientazione

1984

     
Sesso ed etÓ dei protagonisti

maschio 11 anni

     
Presente in archivio

Si

   

 

 
     
     

Cineteca dei Ragazzi - Centro di Documentazione Cinematografica sull'Infanzia e sull''Adolescenza

via Gentile Bellini, 6 20146 Milano
tel. 02425619 fax 0248954183
sito: www.cinetecadeiragazzi.com mail: info@cinetecadeiragazzi.com