:: C a t a l o g o ::


 

         
  proprieta\marcellinopaneevino\marcellino.jpg

Marcellino pane e vino

 
 
 

Regista

Ladislao Vajda  
  NazionalitÓ Spagna  
  Genere Drammatico  
  Anno di produzione 1955  
         
 

Recensione

   
 

Dal romanzo di JosÚ MarÝa Sanchez Silva: nella Spagna dopo l'invasione napoleonica un bambinello, abbandonato in fasce, cresce in un convento, amorevolmente accudito dai frati, ma sente la mancanza di una vera famiglia; scopre in soffitta un crocifisso al quale parla, porta giornalmente da mangiare e chiede di poter vedere finalmente la mamma: il Cristo l'accontenta, portandolo con sÚ in cielo. Un classico del genere strappalacrime-cattolico-edificante ad alto tasso di zuccheri sentimentali. Ancor oggi rimane il film spagnolo di maggior successo nel mondo; in Italia fu visto da undici milioni di spettatori. E il piccolo P. Calvo divenne una star, anzi una meteora.

 
 
 
Recensione tratta da Il Morandini 2009
Dizionario dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini
Zanichelli editore
Destinatari

Argomento

Abbandono
Madre
PovertÓ
SolidarietÓ

Anno di ambientazione

1800

     
Sesso ed etÓ dei protagonisti

maschio 5 anni

     
Presente in archivio

Si

   

 

 
     
     

Cineteca dei Ragazzi - Centro di Documentazione Cinematografica sull'Infanzia e sull''Adolescenza

via Gentile Bellini, 6 20146 Milano
tel. 02425619 fax 0248954183
sito: www.cinetecadeiragazzi.com mail: info@cinetecadeiragazzi.com